All fields are required.

Close Appointment form

Urgenze e informazioni

+39 338.6899930 |

    Il Cereale in Chicco e la differenza tra farina integrale e farina raffinata.

    Il Cereale in Chicco e la differenza tra farina integrale e farina raffinata.
    Il Cereale in Chicco e la differenza tra farina integrale e farina raffinata.

    …quando chiedo ai miei pazienti se consumano cereali, la risposta è sempre la stessa: “Si, a colazione!!” questo mi fa capire che c’è molta confusione e spesso si confondono i cereali integrali in chicco con i cereali lavorati e raffinati che vengono consumati a colazione.

    Ma cos’è un cereale? Il cereale è un seme ricco di amidi, ma anche di proteine, che matura su una spiga, quindi chicco di grano, orzo, segale, avena, farro (con glutine), ma anche chicco di mais, miglio, riso, quinoa, grano saraceno, amaranto, sorgo (senza glutine).

    Dalla macinazione dei cereali si ottengono le farine e dalla lavorazione di queste ultime, prodotti come il pane, la pasta, la pizza, la polenta, i dolci e gli snack salati (torte, biscotti, cracker, grissini, taralli, ecc..).

    Il cereale in chicco è composto da tre parti principali:

    Crusca: costituisce la cuticola esterna del chicco, è ricca di proteine, vitamine, minerali e fibre insolubili che aiutano il transito intestinale

    Germe: costituisce la parte intermedia, è ricco di vitamine del gruppo B e vitamina E, proteine, enzimi, grassi essenziali (si pensi all’olio di germe di grano) e minerali.

    Endosperma: costituisce la parte interna, è maggiormente ricca di amidi e di carboidrati: è l’unica parte utilizzata per la preparazione di farine bianche raffinate.

    Risulta molto chiaro, come dal consumo di un cereale in chicco integrale o dalla macinazione di esso si ottenga un prodotto ricco, completo e ben bilanciato dal punto di vista nutrizionale, a basso indice glicemico, saziante, facile da digerire e che facilita il transito intestinale grazie alla presenza della crusca.

    Con la raffinazione, invece, il chicco viene privato del germe e della crusca dando luogo ad un alimento più povero dal punto di vista nutrizionale, scarso di proteine, vitamine, oli essenziali e fibre, ad elevato indice glicemico, difficile da digerire, il cui abuso porta inevitabilmente ad ingorgo intestinale con conseguente stitichezza.

    Oggi mangiamo cibo raffinato per poi comprare la crusca, le vitamine e l’olio di germe di grano per risolvere i problemi di stipsi e di stanchezza stagionale, quando invece basterebbe consumare gli alimenti giusti per avere tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

    A voi la scelta: farina integrale per rimanere in salute o farina raffinata?

    Ecco una ricetta per iniziare la giornata con tanta energia: prima di tutto: Mai saltare la colazione!!!

    Crema di riso integrale in chicco: si fa cuocere una tazza di riso con sei tazze di acqua fin quando il riso non sarà stracotto (circa un’ora e mezza), poi si fa raffreddare e si conserva in frigo, ogni mattina si scalda una parte con un pò di acqua e si insaporisce con un cucchiaio di semi di lino macinati, un cucchiaino di tahin (crema di sesamo), pezzetti di mela cotta o cruda, perfette le fragole in questa stagione, uvetta se gradita, qualche noce o mandorle o nocciole sbriciolate; si mischia tutto e si gusta!
    Al posto del riso si può a rotazione consumare il farro, il miglio, l’avena, ma anche i fiocchi per creare un porridge gustosissimo!

    Cosa otteniamo con questa colazione?
    Un pasto completo saziante e nutriente grazie ai carboidrati e alle proteine fornite dal riso in chicco integrale, ai grassi buoni della tahina e della frutta secca, alle vitamine della frutta fresca, che manterranno livelli glicemici costanti per ore, senza avere fame; provare per credere!

    Dr.ssa Donatella Pezzimentiwww.studiomedicopezzimenti.it

    12
    • Share This

    Related Posts

    ×